1888 -

1888

Bookmark and Share  
1888.jpg

Autore: Tuco Maria

Pagine: 264
Formato: 13x20 cm

Lingua: italiano
ISBN: 978-88-97268-38-3
Costo: € 12,00
Genere:
romanzo
Anno di pubblicazione: 2011

Numero di edizioni: 1

 

Odio dover veder i fiori appassire. L’anno che è passato è stato uno dei più belli. Ho fatto volare aquiloni, salvato stelle marine, disotturato cessi, festeggiato Capodanno in anticipo, cercato la salvezza della letteratura e affrontato temibili agenti di polizia... Ho visto la tua paura di amare. Ho sentito storie di diavole e di monumenti sul mare senza un perché. Ho avuto tutto questo, ma so di non poterlo avere per sempre e credo di non averlo mai voluto per sempre. È stato l’anno più meraviglioso che una persona possa immaginare. Scusami se non ti dico questo di persona, ma odio gli addii. Ti ho messo questo messaggio nel posto che più ami, anche se ancora non ne conosci la storia. Adesso non potrai neanche andare a bere: visto che non stavamo insieme non puoi dire di essere mollato o trovare scuse per una  bevuta in più. E non potrai neanche aggiornare la tua collezione di diavole, che se non sbaglio si ferma a quattro, anche se non ho mai capito bene chi sia la quarta. Questo è un arrivederci. So che un giorno tornerò da Milano, verrò in spiaggia e ti troverò che dormi sul basamento di 1888 con un libro aperto sulla pancia e con i cani che ti leccano la faccia.

 

LEGGI L’ANTEPRIMA – ACQUISTA L’EBOOKL’AUTORE NEL WEB

 

Tuco Maria nasce nella metà degli anni ‘70 a Orbetello, ma dopo qualche ora si trasferisce nella periferia di Albinia, il tempo di imparare a camminare e si sposta ancora, Giannella, o per meglio dire la spiaggia della Giannella. Quello diventerà il suo luogo di residenza, salvo qualche ora passata nei bar e quelle rubate da un lavoro come commesso in una ferramenta. Tuco non ha un curriculum importante né una carriera scolastica degna di nota. Un giorno scopre l’esistenza della letteratura e la sua vita cambia. Nel 2007 decide di iniziare a imitare Tolstoj, covando dentro sé (sua personalissima versione) l’idea di riuscire a fare anche meglio. Il risultato è “1888” pubblicato da Meligrana. Ha due cani, Astra e Alice, e spesso viene a trovarlo Matizzi, il gatto dei vicini di casa. Guida una Opel blu scolorita nota come Bluepizer.